Sculture in legno, paramenti sacri e dipinti: l’arte sacra a Volterra

Il Museo di Arte Sacra ha sede nei locali dell’antica canonica, oggi Palazzo Vescovile.
L’esposizione presenta opere provenienti dalla Cattedrale e da chiese della Diocesi; ma il suo pregio maggiore è quello di conservare, oltre ad alcuni dipinti, sculture in legno e fittili e paramenti sacri, le uniche sculture in marmo superstiti dei monumenti trecenteschi eretti nella Cattedrale.
L’influenza pisana durante il Duecento si evidenzia nelle eleganti formelle del recinto presbiteriale e dell’antico altare maggiore della Cattedrale, sei delle quali qui collocate, insieme ai calchi delle altre otto, che sono attualmente sistemate a guisa di paliotto sotto il monumento dell’Incontri in Cattedrale.

I più importanti e noti fra i marmi trecenteschi sono le sette formelle rettangolari a rilievo che illustrano episodi della vita dei santi Ottaviano e Vittore, attribuite dal Venturi ad Agostino di Giovanni ed Agnolo della Ventura.

I quattro medaglioni circolari con i busti dei santi Giusto, Clemente, Ottaviano, e Vittore, eseguiti a bassorilievo sono attribuiti al grande Tino di Camaino. Il sarcofago romano databile nei primi secoli d. C., segna il più precoce caso di riuso essendo stato impiegato come sepolcro del vescovo Goffredo nell’anno 1037.
Interessante per la pittura è il Crocifisso dipinto su tavola a forma di croce eseguito da artista vicino a Giunta Pisano. Inoltre vi è la pala di Ulignano, creata da Daniele Ricciarelli nel 1545, e la pala di Villamagna del Rosso Fiorentino, che la eseguì lo stesso anno 1521 della più celebre Deposizione oggi nella Pinacoteca.
Nelle vetrine, fra i vari oggetti contenuti, come custodie di cuoio, croci, turiboli, navicelle, reliquiari sono da segnalare il busto reliquiario di S. Ottaviano in argento sbalzato e rame dorato, opera di Antonio del Pollaiolo e la bellissima croce d’argento a doppia faccia, con disegni cesellati, foglie e ghiande, con dodici figure smaltate.

Il ciborio di alabastro (1575) e l’acquasantiera in marmo e alabastro (1567) sono squisiti oggetti che documentano la ripresa dell’attività artigianale alabastrina, interrottasi dopo il medioevo. Una raccolta di parati sacri (XV-XIX sec.), due libri corali in pergamena con notazione gregoriana e miniature eseguite da Frate Agostino nel 1299, chiudono la rassegna di questo piccolo, ma interessante Museo.

Museo Diocesano di Arte Sacra

Attenzione

Il Museo di Arte Sacra è attualmente chiuso per restauro fino a data da definirsi.

 
Indirizzo:  
Via Roma, 13
56048 – Volterra (PI)
tel. +39 0588 86290

Guida al Museo

Guida al Museo di Arte Sacra

Scarica QUI la guida al Museo

Presentazione dei Musei della Valdicecina

Scarica QUI la presentazione a tutti i Musei della Val di Cecina

Il patrimonio Archeologico

Siti di interesse storico

Coordinate Satellitari Lat. 43.402927 – Long. 10.858526
Sito web ufficiale Museo di Arte Sacra – Comune di Volterra
Consorzio Turistico Volterra Valdicecina Valdera S.c.r.l.
Via Franceschini, 34 - 56048 Volterra (PI) - PIVA 01308340502
Copyright © 2012 - Cookie & Privacy Policy
Google+